10 cose da fare a Lipari

by / Thursday, 05 November 2015 / Published in Escursioni
Alla scoperta di Lipari isola

Lipari isola da scoprire.. Ecco 10 cose da non perdere!

Lipari isola dai mille colori.. Un posto unico, dove il cielo può assumere sfumature diverse ogni secondo, dal rosa al giallo o al rosso acceso.. mentre il mare ti circonda e ti accompagna nelle lunghe notti estive, quando d’improvviso la luna spunta all’orizzonte ed il cielo si illumina di stelle..

In questo arcipelago di origine vulcanica, noto al mondo come patrimonio dell’Unesco, il tripudio di colori, sapori e profumi sarà il preludio ad una vacanza indimenticabile.. scopriamo insieme il perchè!

Clicca qui se cerchi un appartamento a Lipari

1. Il Santuario di Chiesa Vecchia

Questa piccola chiesa risalente al 1588 è dedicata a Maria S.S. della Catena. Ma ciò che rende speciale questo luogo è la terrazza da cui poter ammirare uno dei tramonti più belli che si possa vedere.. Questo perchè il sole tramonta dietro alle isole di Alicudi e Filicudi mentre in vicinanza Salina vi regalerà giochi di luci ed ombre a cornice di questo magico panorama. Un consiglio: portavevi una birra, sarà un momento per brindare alla salute!

E questa nostra vita, via dalla folla, trova lingue negli alberi, libri nei ruscelli, prediche nelle pietre, e ovunque il bene... (William Shakespeare)

2. Assaggiare una buona granita siciliana!

Se non l’avete mai assaggiata è proprio il caso di farlo! La granita è un dolce freddo tipico siciliano, a base di acqua, frutta e zucchero, di solito si accompagna con panna e brioche.. Una gioia per il palato!

A Lipari ci sono vari posti dove poter assaggiare la granita ma una delle mie preferite è Tano Bar a Canneto. Si tratta di un piccolo bar nella piazza centrale, noto per la bontà della sua frutta. Se vi capita di passare dalla frazione di Pirrera, potreste anche vederlo arrampicato su una pianta a raccogliere i gelsi con i quali produce le granite che vende al pubblico.. gnam!

La vita è come una granita: se non riesci a berla... usa il cucchiaino! (Linda Reeves)

 

3. Un piccolo marchio di fabbrica isolano

Di origine salernitana ma trapiantato a Lipari da quando se ne ha ricordo, Stefano Panza ha messo a disposizione delle sette isole la sua arte. Le sue ceramiche riprendono tutto il bello delle Isole Eolie: panorami, tramonti, sfumature e forme di questo magico arcipelago. Le sue creazioni si trovano nella piazzetta di Marina Corta ma, se ci fate caso, noterete che la maggior parte delle attività ed abitazioni locali presentano insegne, piatti, oggetti decorativi vari di questo simpatico personaggio tutto eoliano!

Un uomo che lavora con le sue mani è un operaio; un uomo che lavora con le sue mani e il suo cervello è un artigiano; ma un uomo che lavora con le sue mani, il suo cervello e il suo cuore è un artista.. (Louis Nizer)

4. Rilassarsi in riva al mare a Spiagge Bianche

Spiagge Bianche è un luogo veramente speciale, prima di tutto per la magica vista sulle isole di Panarea e Stromboli, che fanno da sfondo al blu del mare cristallino.

Sull'isola di Lipari si può trascorrere una splendida giornata in spiaggia, rilassandosi al sole, facendo snorkelling alla scoperta di pesci e fondali, mangiando buon cibo o leggendo un libro all’ombra dell’ombrellone.

A Spiagge Bianche si trova il Blu Lounge piccolo bar dove poter assaggiare prelibatezze in riva al mare. La qualità dei prodotti e la cura del personale si nota anche dalla pulizia del posto, dove lo staff prepara tutto con guanti bianchi!

E quando tramonta il sole, la festa continua tra musica e aperitivo!

La risacca non sulo non distrubbava i pinseri, ma li faciva nasciri e li cullava.. (Andrea Camilleri)

5. Un viaggio nella storia eoliana

Se siete appassionati di cultura, non c'è nulla di meglio di scoprire antichi reperti di civiltà passate. Importanza storica va al Museo Archeologico di Lipari che si trova dentro alle mura cintate del castello. Da notare che questo complesso si si erige su una cupola imponente di formazione vulcanica con caratteristiche di fortezza naturale, che per molti secoli ha protetto gli abitanti dagli attacchi nemici.
Le testimonianze di questi insediamenti sono oggi in parte visibili sulla parte sommitale della rocca: capanne dell'Età del Bronzo, su quattro livelli sovrapposti; strutture di Età Greca e Romana; un impianto urbano del II sec. a.C e molti altri ritrovamenti. L'aspetto odierno deriva però dalle fortificazioni erette da Carlo V intorno al 1560, subito dopo l'attacco del pirata tunisino Kaireddin Barbarossa, che nel 1544 aveva conquistato e distrutto la città.

Non sapere che cosa sia accaduto nei tempi passati, sarebbe come restare per sempre un bambino. Se non si fa uso delle opere delle età passata, il mondo rimarrà sempre nell’infanzia della conoscenza... (Cicerone)

6. Sentieri nascosti Caolino - San Calogero:

La magia della natura eoliana può essere apprezzata grazie alle entusiasmanti escursioni di trekking che durante tutto l’anno mostrano a turisti ed isolani il bello delle Eolie. Uno dei possibili percorsi inizia dalle cave di Caolino, contrada dove sin dall’antichità veniva estratto un minerale definito “caolino” per l’appunto. La miniera di Caolino oggi risulta abbandonata ma andando alla scoperta dei dintorni si può notare che, sulla sinistra, sono presenti pareti rocciose a strapiombo, sotto le quali si trovano le uniche fumarole ancora attive  su Lipari. In questa zona, circa 100.000 anni fa, esisteva un lago ormai prosciugato, che diede origine alle falesie di Timpone Pataso.

Dopo una passeggiata di circa 3 ore, si giunge alle terme di San Calogero, edificio ottocentesco a ridosso della piccola tholos, che viene considerata uno dei più antichi stabilimenti termali conosciuti. L'escursione termina alla strada in pietra tra gli uliveti che sale in direzione di Pianoconte.

In ogni passeggiata nella natura l’uomo riceve molto di più di ciò che cerca... (Hohn Muir)

7. Un bicchiere di vino alla Tenuta Castellaro:

Azienda vinicola con meno di un decennio di vita, grazie all’imprenditore bergamasco Massimo Lentsch, da oggi non è solo Salina a poter vantare una grande produzione vinicola. Sì, perchè sull’Altipiano di Castellaro, l’azienda ha recuperato una vasta superficie a 350 metri di quota sulla quale producono vini rossi, bianchi ed un rosato IGP.

Protesa verso l’isola di Vulcano si trova vigna Cappero, esposta a sud/est, dove si produce un vino definito “eroico” in quanto la vigna produttiva si arrampica su ripide terrazze lambite dal mare, dando origine alla gustosissima Malvasia delle Lipari D.O.P.

Le viti in questione sono originarie di Lipari ma se ne era quasi persa traccia: grazie a Massimo e alla sua azienda, è ora possibile assaggiare una gustosissima produzione locale.

La vita è troppo breve per bere vini mediocri.. (Johann Wolfgang von Goethe)

8. Uno sguardo dalla Forgia Vecchia:

Un luogo magico, rappresentato da un belvedere posto sul bordo di un cratere spento. Questa è Forgia Vecchia, un’antica colata di ossidiana, fuoriuscita da un cratere sul monte Sant’Angelo (594 m) dove oggi è stata creata una piazzetta panoramica da cui poter ammirare Lipari, Panarea, Stromboli, Vulcano e la splendida Sicilia all’orizzonte.

Alla Forgia si può arrivare da Canneto (seguire le indicazioni per Forgia Vecchia): s’imbocca la strada asfaltata che, dopo alcune deviazioni, conduce al cimitero, da lì, lasciata l’auto, si prosegue a piedi lungo una stradina lastricata in pietra e si giunge alla terrazza panoramica, dalla quale si domina l’intero versante orientale dell’isola.

È in noi che i paesaggi hanno paesaggio. Perciò se li immagino li creo; se li creo esistono; se esistono li vedo. [...] La vita è ciò che facciamo di essa. I viaggi sono i viaggiatori. Ciò che vediamo non è ciò che vediamo, ma ciò che siamo... (Fernando Pessoa)

9. Tutta la dolcezza di un cannolo:

D’Ambra: storica pasticceria dell'isola di Lipari ad Agosto rimane aperta 24 su 24 per la gioia di turisti e locali che possono godere del ben di dio proposto a qualsiasi ora del giorno, anche dopo una serata in discoteca.

Dai cannoli alle cassate, a gelati, biscotti, torte, semifreddi e tutto ciò che potete immaginare.. Un vero toccasana per le papille gustative, che verranno attirate dal profumo di dolci proveniente da Marina Corta..

La più buona colazione è un bel sorriso regalato di prima mattina. Se ci aggiungi una bella dose di entusiasmo e di energia la ricetta del buon umore è perfetta! (Franxy Sant)

 

10. La bontà della semplicità:

Non è possibile venire a Lipari senza assaggiare del buon pesce fresco.. Si perchè le Eolie sono terre ricche di pesci, dove non è difficile vedere un gruppo di delfini che sfreccia in mare vicino alle barche.. E per questo le opzioni sono varie, dandovi la possibilità di decidere se uscire fuori a cena oppure comprando del pesce da uno dei vari pescivendoli dislocati nel centro storico di Lipari.

Tra i pesci più tipici: cernia, sarago, scorfano, mupa, pesce spada, luvaro e tanto altro ancora.. Di contorno? Bastano dei semplici ma gustosissimi pomodorini locali che, cresciuti su terra vulcanica, mantengono tutto il gusto dolce e ricco dei prodotti biologici!

Ho bisogno di conoscere la storia di un alimento. Devo sapere da dove viene. Devo immaginarmi le mani che hanno coltivato, lavorato e cotto ciò che mangio... (Carlo Petrini)

Se ti è venuta voglia di fare una vacanza guarda le nostre case a Lipari!

TOP